Logo-ponte-nautica-mod-Italia2
A SEGUITO DEGLI ACCORDI PROMOSSI DALLA ASSOCIAZIONE BRAZIL PLANET TRA IL GOVERNO ITALIANO, ATTRAVERSO IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ITALIANO (MISE), CONFINDUSTRIA NAUTICA ITALIANA (UCINA) E IL GOVERNO DI SANTA CATARINA LE EDIZIONI 2015 E 2016 DELLA FIMAR SI SONO SVOLTE NELLO STATO DI SANTA CATARINA.

La collaborazione ormai radicata tra il Governo di Santa Catarina e l’Italia ha preso il via nel 2011, quando una delegazione istituzionale ed imprenditoriale dello Stato guidata dal Segretario di Stato Deputato Valdir Cobalchini ha visitato il Festival del Mare di Gaeta e preso i primi contatti.
IMG_2312
A questo primo appuntamento ha fatto seguito la successiva missione brasiliana al Salone Nautico di Genova nell’ottobre 2012, in occasione della quale è stato sottoscritto con il MISE e l’UCINA un Memorandum d’Intesa, e la partecipazione alle successive edizioni nel 2013, 2014, 2015 e 2016.

Guidate dal MISE e dall’Agenzia ICE, le missioni italiane alla fiera Exponautica di Biguaçu (Novembre 2012) e a Florianopolis (Giugno 2013).

Grazie a questa assidua e fattiva collaborazione tra il Governo di Santa Catarina ed il Governo italiano, la Brazil Planet si è fatta promotrice della FIMAR, la prima Fiera Internazionale specializzata nella promozione e incentivo allo sviluppo dell’Economia del Mare Brasile-Italia, realizzata nel 2015Florianopolis e nel 2016 a Itajaì.

Perché Santa Catarina
Lo Stato di Santa Catarina si trova in una posizione privilegiata del Mercosul, a metà strada tra i due maggiori poli industriali del continente: San Paolo e Buenos Aires. In particolare Santa Catarina, oltre ai suoi 25 cantieri attivi, risulta essere la regione brasiliana con il maggior numero di porti distribuiti lungo gli oltre 500 chilometri di costa; vanta infatti cinque porti ben attrezzati (São Francisco do Sul, Itajaí, Imbituba, Navegantes e Itapoá), sui 37 complessivi che possiede il Brasile, cosa che rende Santa Catarina il secondo polo nautico del Brasile.

“L’Economia del Mare rappresenta oggi il 6% del PIL di Santa Catarina, ma questo settore può aumentare ulteriormente le entrate, il margine di valore aggiunto dei suoi prodotti e le aree possono essere ampliate, considerando la tutela dell’ambiente e delle risorse naturali. Abbiamo una ricca baia per l’attività di pesca, le bellezze naturali per il turismo e tecnologia di punta  per il settore navale. Inoltre, abbiamo una delle migliori infrastrutture portuali del paese, ci sono ben 6 nello Stato. E ‘il secondo più grande centro portuario per un carico totale trasportato dai contenitori del Brasile, movimentando più di 21 miliardi di dollari all’anno in esportazioni e importazioni. Siamo partner della Fimar in questa impresa, perché ci rendiamo conto che siamo in grado di sviluppare questa diversità economica fondamentale per incrementare il reddito, posti di lavoro e nuove tecnologie. La forte mano del Governo può contribuire alla espansione del business consolidando ulteriormente Santa Catarina come un’economia forte e in crescita. “
CARLOS CHIODINI
Secretario de Estado do Desenvolvimento
Econômico Sustentável de Santa Catarina